• Italian
    • English
    • German
    • Russian

Eccoti i risultati della ricerca

Mercato Estero

Avvalendoci anche del network Mls locale e di varie pubblicità su riviste e principali portali esteri con i quali siamo ben collegati, i quali ci consentono di ottimizzare, la nostra esperienza nel vendere casa agli stranieri.

Gli stranieri continuano a scegliere l’Italia. La domanda di acquisto di un immobile nel Belpaese cresce ancora nel 2018 e si attesta a +8.38%.

Questo è il risultato del report annuale del 2018 del portale Gate-away.com, che monitora richieste provenienti da oltre 150 paesi, nel periodo 1 gennaio – 31 dicembre 2018, paragonando il risultato con lo stesso periodo dell’anno precedente. Il sito è tradotto in 10 lingue, le proprietà pubblicate superano le 30 mila e sono 1 milione e 500 mila gli utenti che hanno navigato sul portale, +12,68% rispetto al 2017.

I Dati di Gate-away.com per il 2018

Prime in classifica tra le regioni con più istanze sono Toscana, regina indiscussa da anni. La Puglia supera la Lombardia (che scende al terzo posto) e diventa seconda. Poi ci sono la Liguria e l’Abruzzo, che balza al 5° posto (era al 7° nel 2017) registrando un +28.14%. A seguire la Sardegna, la Sicilia, il Piemonte, l’Umbria e una sorprendente Calabria che con un +45.23% per la prima volta entra nella classifica delle prime 10 regioni.

Il valore medio dell’immobile per gli stranieri è 352.456 euro. È infatti aumentata la richiesta verso una fascia di prezzo che va da 0 a 100 mila (+16.6%) e dai 100 ai 250 mila (+14.98%).

Il compratore tipo ha un’età compresa tra i 55 e i 64 anni, un elevato titolo di studio e cerca mediamente proprietà indipendenti e pronte per essere abitate.

Se la prima nazione nel 2017 è stata la Germania, questo 2018 ha visto un aumento consistente di istanze provenienti dagli Stati Uniti (+30.51%), che sale al primo posto, e del Regno Unito, che con una crescita del 18.26%,si guadagna la seconda posizione. Scende, invece, al terzo posto la Germania, poi abbiamo l’Italia (richieste di utenti stranieri mentre sono in Italia), la Francia, l’Olanda, il Belgio, la Svezia, la Svizzera e il Canada.